news

home evento libro pietra nera

LA PIETRA NERA
Per appesantire l’erpice e farlo lavorare meglio, Gino, di solito, usava una specie di macigno di oltre cinquanta chili che un bel giorno sbattendo contro un altro sasso, si spacca esattamente a metà, come un uovo di gallina, così da liberare una pietra nera, piccola da poter stare in un pugno, rimasta lì imprigionata da chissà quanto tempo. Istintivamente Gino se la mette in tasca: l’avrebbe tenuta co sé fino alla fine della sua vita. Ma non solo come portafortuna perché da questa pietra nera, che gli vibrava tra le dita, Gino avrebbe ricavato tutta la sua forza.
http://www.lapietranera.org

Il mio Carrello

 x 
Carrello vuoto

 

appstore ita

Login Form

Impostazioni dei cookie